fbpx

La bromelina: un coadiuvante nella ritenzione idrica

La Bromelina è una miscela di enzimi derivante dal gambo fresco, o dal frutto, di Ananas comosus (L.) Merr., una pianta appartenente alla famiglia delle Bromeliacee e da cui ne prende il nome. Ha una storia secolare di utilizzo in ambito medico, specialmente in tutto il Centro e Sud America e le sue proprietà sono oggi confermate da numerosi trials clinici. Questi dimostrano come l’estratto naturale svolga attività antiedematose, antinfiammatorie, antitrombotiche e fibrinolitiche.

PERCHÈ È UTILE ASSUMERE BROMELINA IN QUESTO PERIODO?

Andando incontro al caldo estivo capita comunemente di avere la sensazione di gambe gonfie o di notare più facilmente una ritenzione di liquidi in eccesso. In questi casi si può correre ai ripari utilizzando la bromelina.

Essa infatti, se assunta a stomaco vuoto:
– funge da antinfiammatorio antiedemigeno;
– favorisce il drenaggio dei liquidi corporei;
– migliora la funzionalità del microcircolo;
– contrasta gli inestetismi della cellulite;
– riduce la sensazione di gambe pesanti.

Con il caldo, infatti, il corpo tende a trattenere i liquidi che vanno a depositarsi negli spazi interstiziali causando una sensazione di gonfiore e pesantezza, principalmente a livello delle gambe. Questo ristagno peggiora anche l’infiammazione del tessuto adiposo e l’edema, principali responsabili della cellulite. Le strategie da mettere in atto sono sicuramente tre: migliorare l’alimentazione (riducendo il consumo di cibi ricchi di sale), aumentare l’introito di acqua (almeno due litri al giorno) e praticare quotidianamente attività fisica, migliorando il microcircolo e quindi l’apporto di ossigeno ai tessuti. Molto utile risulta anche l’utilizzo dell’estratto di bromelina, da utilizzare rigorosamente a stomaco vuoto, per sfruttare al massimo le sue proprietà drenanti e non quelle proteolitiche.

La Bromelina, infatti, contenendo enzimi proteolitici sulfidrilici, svolge anche funzioni digestive. Se assunta a stomaco pieno, favorisce il fisiologico processo digestivo delle proteine concorrendo alla loro scomposizione in amminoacidi. Nonostante questi siano contenuti anche nel frutto, la quantità maggiore e più utilizzata per la realizzazione degli integratori rimane il gambo.

ALTRE PROPRIETÀ DELLA BROMELINA

La bromelina vanta anche altre numerose proprietà:
– contrasta i processi infiammatori, inibendo la trombossano sintetasi;
– funge da antiaggregante piastrinico e antitrombotico, inibendo la sintesi di fibrina;
– contrasta la formazione di bradichinina che causa gonfiore, arrossamento, calore e dolore nonchè dilatazione e permeabilità dei vasi;
– migliora la sintomatologia in caso di osteoartrite: sia nella riduzione del dolore che della rigidità articolare associata alla patologia;
– fluidifica le secrezioni nasali, quindi è utile anche in caso di rinite, sinusite o asma allergica;
– usata come crema topica, è utile nella rimozione del tessuto danneggiato in seguito ad ustioni;
– mostra risultati promettenti anche nella lotta contro il cancro: sembra infatti potenziare il trattamento chemioterapico.

Il suo vantaggio, inoltre, è quello di avere un’alta biodisponibilità: viene infatti assorbita nell’intestino umano senza essere degradata e senza perdere la sua attività biologica.

MODALITÀ D’USO

È consigliata una somministrazione di 500/1000 mg di bromelina al giorno, sottoforma di compresse o bustine da sciogliere in acqua. L’assunzione deve avvenire a stomaco vuoto se si vuole sfruttare l’attività diuretica e antinfiammatoria. Gli studi scientifici dimostrano che la bromelina è un prodotto sicuro, pertanto la sua assunzione può anche essere prolungata nel tempo, sempre sotto controllo medico qualora coesistessero altre patologie.

Il principio attivo si può trovare indicato anche con la titolazione in GDU (Gelatine Digestion Unit/g): è l’unità di misura che indica la “potenza” catalitica della bromelina. Più il valore è alto e più sarà efficace l’attività dell’enzima. Per aver un buon prodotto, questo valore non deve essere inferiore a 2000 o 2500 GDU/g.

EFFETTI COLLATERALI ED AVVERTENZE

Essendo un prodotto sicuro, nei soggetti sani non vi sono particolari avvertenze. Devono prestare invece attenzione i soggetti in terapia anticoagulante o antitrombotica, poiché la bromelina potrebbe potenziarne l’effetto.

Particolare attenzione anche per chi sta assumendo antibiotici, in particolare amoxicillina o tetraciclina, poiché potrebbe modificarne l’assorbimento e aumentare gli effetti collaterali.

Siccome può avere un effetto antiaggregante sul sangue, è importante evitarne l’uso prima e dopo gli interventi chiururgici; inoltre, in caso di gravidanza e allattamento non vi sono studi clinici che ne dimostrino la sicurezza. In tutti questi casi è necessario un parere del medico.

FONTI

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11577981/
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S156757690400400X
https://downloads.hindawi.com/archive/2012/976203.pdf
https://www.healthline.com/health/bromelain#interactions

5 1 vote
Article Rating
Dott.ssa Giulia Lodrini

Farmacista di professione, ma con una profonda passione per la divulgazione scientifica.

Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments