fbpx

SOS MASCHERINE: COME PRENDERSI CURA DELLA PELLE DEL VISO

Con l’emergenza Covid-19 siamo tenuti a indossare la mascherina ogni giorno e per diversi giorni.

Da chi le indossa per poche ore a chi ci passa intere giornate, tutte noi sicuramente abbiamo notato un cambiamento della nostra pelle.

Se da un lato sono un dispositivo che ci tutela dal contagio, dall’altro sono un vero e proprio corpo estraneo che irrita la pelle.

COSA SUCCEDE SOTTO LA MASCHERINA?

Inevitabilmente, sotto la mascherina, si forma sudore ed umidità a causa del riciclo del respiro che resta “bloccato”. Se ci aggiungiamo le temperature, ormai estive, si crea un vero e proprio micro-ambiente che impedisce una naturale e fisiologica ossigenazione della pelle.

La mascherina, inoltre, aderisce alla pelle, inducendo prurito, arrossamento ed irritazione e, nei casi peggiori, anche a comparsa di brufoletti che possono sfociare in vere lesioni.

IL FENOMENO “MASKNE” 

Il fenomeno “maskne”, è stato così soprannominato l’acne da mascherina. coinvolge tutte le pelli e induce alla formazione di inestetismi come brufoletti e rossori.

La mancata ossigenazione e traspirazione cutanea, aumenta l’ostruzione dei pori con maggiore produzione di sebo. Si parla, quindi, di maskne, perché questi inestetismi tendono a colpire in particolare la zona del naso, del contorno labbra e del mento: ovvero le zone più a stretto contatto con la mascherina.

LA SKINCARE E’ LA SOLUZIONE

In questo contesto più che mai, la skincare è la soluzione più efficace a questi fastidiosi inestetismi.

La skincare serale rappresenta una vera e propria rigenerazione della pelle.

Per tutti i tipi di pelle vale la regola della detersione del viso accurata ed immediata al post-mascherina. A seguire la giusta idratazione servirà a risanare la pelle.

SKINCARE POST-MASCHERINA PER PELLI MISTE E GRASSE

La pelle mista e grassa necessita di una detersione con prodotti schiumogeni e delicati che abbiano un’azione sebo-normalizzante, come l’azeloglicina, ed esfolianti come il sodio salicilato, il quale corregge l’ipercheratosi dell’infundibolo pilifero, affinando i pori. A queste va aggiunta un’azione antibatterica, come la clorexidina digluconato, per diminuire la colonizzazione batterica.

A seguire idratare il viso con una crema dermo-purificante, arricchita, ad esempio, di bardana o rosmarino, ed una o due volte a settimana applicare una maschera all’argilla verde o rosa.

SKINCARE POST MASCHERINA PER PELLI SENSIBILI

Per le pelli sensibili è consigliabile utilizzare detergenti e creme ad azione protettiva, emolliente e lenitiva. Queste devono essere in grado di ristabilire l’equilibrio della skin-barrier (barriera cutanea), riducendo il prurito, il rossore e il bruciore.

Sostanze funzionali adatte sono:

  • Squalano, svolge un’azione filmogena e protettiva;
  • omega -3, svolge un’azione contro il pizzicore e l’infiammazione
  • omega-6 e omega-9, reintegrano le componenti lipidiche della barriera cutanea.

SKINCARE POST MASCHERINA PER PELLI SECCHE

Per le pelli secche la scelta del detergente è finalizzata ad ostacolare ulteriori perdite di acqua e garantire una idratazione profonda della pelle.

E’ consigliabile utilizzare detergenti a base oleosa e creme molto nutrienti ricche di ceramidi e di acido ialuronico.

IL TRUCCO E’ CONSENTITO?

Non è molto vantaggioso passere intere giornate con il trucco sul viso e la mascherina. Ma è ben evidente che non tutte riescono a fare a meno di truccarsi. Esiste, comunque, un valido compromesso dettato da alcune piccole accortezze.

Sicuramente meno strati di trucco poniamo sul viso più questo né trarrà beneficio. L’ideale sarebbe prediligere fondotinta leggeri, magari formulazioni come le creme colorate (BB cream, CC cream). Queste infatti hanno il vantaggio di idratare il viso ma anche di donare una leggera colorazione al viso stesso. Sono vietati, invece, fondotinta long lasting, ad elevata coprenza e fondotinta cremosi. Via libera a cipria, blush e terra.

Data la stagione ormai calda, possono tornare utili formulazioni a spray, indicate per ravvivare il trucco, reidratare la pelle, lenire eventuali rossori. Ottimo da portare in borsa e facile da applicare. 

Il mio consiglio è quello di ottimizzare lo skincare serale utilizzando i prodotti piu adatti al proprio tipo di pelle ponendo una maggiore attenzione alla detersione del viso. 

0 0 vote
Article Rating
Dott.ssa Adriana Pulpo
Dott.ssa Adriana Pulpo

Farmacista di professione, ma con una profonda passione per la dermocosmesi.

Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments