fbpx

COS’È LA CHERATOSI ATTINICA? COME VIENE TRATTATA?

La cheratosi attinica nota anche come Cheratosi solare si presenta come una chiazza ruvida e squamosa sulla pelle. Si forma dopo anni di esposizione solare e si presenta più frequentemente sul viso, sulle labbra, sulle orecchie ma anche sul dorso delle mani, avambracci, collo e cuoio capelluto.

L’andamento è molto lento infatti queste macchie si sviluppano e si allargano lentamente e in maniera silente senza provocare altri tipi di disturbi. Generalmente compaiono nelle persone con più di 40 anni di età.

La cheratosi attinica generalmente viene trascurata o sottovalutata ma in realtà è stata inserita nell’elenco dei tumori della pelle perché col tempo può trasformarsi, appunto, in cancro delle pelle.

COME SI PRESENTA LA CHERATOSI ATTINICA?

La cheratosi attinica su presenta :

  • ROSSA, ROSA, MARRONE;
  • RUVIDA O SQUAMOSA;
  • PIATTA O SPORGENTE;
  • DOLORANTE O PRURIGINOSA

La causa principale è l’esposizione frequente alle radiazioni solari o ai raggi Uv delle lampade abbronzanti.

COME VIENE DIAGNOSTICATA?

In seguito alla visita da uno specialista, quindi da un dermatologo, egli valuterà e quindi diagnosticherà la cheratosi attinica in seguito ad una visita analizzando la pelle. Tuttavia potrebbero esserci dei casi in cui il medico abbia bisogno di ulteriori conferme e pertanto si avvale di test come la biopsia cutanea.

TRATTAMENTI

Esistono vari tipi di trattamento per la cheratosi attinica, dei quali alcuni sono più utilizzati rispetto ad altri e anche meno invasi.

  • CONGELAMENTO O CRIOTERAPIA

Sicuramente al giorno d’oggi la Crioterapia, resta il trattamento più utilizzato per la cheratosi attinica. Consiste in una sorta di “ustione da freddo” e consiste nell’eliminare le chiazze tramite congelamento con azoto liquido. Questo causa formazione di vesciche e desquamazione le quali man mano che la pelle guarisce, si staccheranno e daranno spazio alla pelle nuova.

  • TERAPIA FARMACOLOGICA

Anche la terapia farmacologica è un tipo di tecnica spesso utilizzata. Di seguito ti mostro alcuni dei farmaci più utilizzati e prescritti:

  • Diclofenac  Un gel formulato con il diclofenac risulta molto efficace per contrastare le lesioni generate dalla cheratosi attinica. Lo schema  raccomanda di applicare un film di crema direttamente sulla lesione interessata dalla cheratosi attinica, una volta al giorno per 2-3 mesi. 

In genere, i primi benefici sono evidenti dopo 30 giorni.

  • Diclofenac gel 3% in acido ialuronico (es. solaraze ): l’abbinamento dei due farmaci è indicato per la duplice azione analgesica-antiossidante . Applicare il prodotto sulla pelle affetta da cheratosi attinica.. Continuare la terapia per 2-3 mesi, o fino a completa remissione dei sintomi.
  • Imiquimod (es. albara crema): il farmaco viene formulato sotto forma di crema ad applicazione topica. Il  farmaco esercita agisce come un immunomodulatore, inibendo la replicazione delle cellule danneggiate dalla cheratosi attinica e potenzialmente maligne
  • Collagenasi (es. Nuroxol, Iruxol): Gli enzimi chiamati collagenasi sono responsabili dell’ attività di distruzione delle strutture extracellulari coinvolti  nei processi patologici.
  • RASCHIATURA ( CURETTAGE )

Questo è un tipo di trattamento che prevede l’eliminazione chirurgica delle  cellule con un dispositivo chiamato CURET.  

La raschiatura  prevede l’impiego di uno strumento a forma di matita per tagliare e distruggere il tessuto interessato attraverso la corrente elettrica. La procedura viene eseguita dopo l’applicazione di un anestetico locale. Gli effetti indesiderati possono includere infezioni, cicatrici e cambiamenti di colorazione della pelle trattata.

  • TERAPIA FOTODINAMICA

È una tecnica che prevede l’applicazione, sulle pelle interessata, di una soluzione chimica sensibile alla luce. La sua successiva esposizione alla luce distruggerà la cheratosi attinica. Anche qui possono verificarsi effetti indesiderati come arrossamento, gonfiore, è sensazione di bruciore.

Come tutte le patologie, anche la cheratosi attinica se scoperta velocemente può essere eliminata prima che possa trasformarsi in cancro della pelle. 

Infatti, se non trattate e trascurate alcune di esse possono trasformarsi in un tipo di tumore della pelle che solitamente è innocuo se trattato subito, ovvero il carcinoma a cellule squamose.

L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE

Come detto precedentemente, la cheratosi attinica può evolversi in carcinoma a cellule squamose o più in generale in cancro della pelle. Per tale motivo la prevenzione è ancora più importante del trattamento.

La prima fonte di prevenzione in assoluto è la protezione solare.

Pertanto è consigliabile:

  • Limitare l’esposizione al sole evitando il sole nelle ore più calde ( quindi tra le 10 e le 14 );
  • Usare quotidianamente la Crema solare con un fattore di protezione molto alto ( SPF 30 o SPF 50 )
  • Come raccomandato applicare la Crema solare 15 minuti prima dell’ esposizione solare e riapplicare a ogni 2 ore o più spesso se si suda e dopo ogni bagno;
  • Evitare l’esposizione alle radiazioni Uv dei lettini abbronzanti perché possono causare danni alla pelle tanto quanto i raggi solari.

Tuttavia non va mai dimenticato di sottoporsi a controlli della pelle ed eventualmente segnalare al proprio medico eventuali cambiamenti di chiazze, lentiggini…

Dott.ssa Adriana Pulpo

Farmacista di professione, ma con una profonda passione per la dermocosmesi.

Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments