fbpx

Una nuova epidemia: i Coronavirus di Wuhan

Tutti i media, TG e social parlano dell’attuale epidemia cinese causata dai coronavirus. Questo sta facendo scalpore ma soprattutto innesca in tutti noi molta preoccupazione. 

Vediamo di seguito le ultime news: il virus ha colpito la città cinese Wuhan e ad oggi sono circa 6.078 i casi, sono 9 invece i casi registrati in Europa.

4 casi in Germania, 4 in Francia ed un solo caso in Finlandia.

Fortunatamente il caso di Napoli è stato un falso allarme. Tuttavia la situazione rimane in allerta visti i numeri dei contagi e l’OMS dichiara che ci saranno degli sviluppi preoccupanti, intanto l’Italia inizia a programmare i primi rientri dei nostri connazionali dalla Cina.

Ma cosa sono i Coronavirus ?

 

I coronavirus sono una tipologia di retrovirus (ovvero virus il cui materiale genetico è costituito da RNA) le cui dimensioni sono comprese fra gli 80 ed i 160 nm, sono provvisti di capsula.

Devono il loro nome al bulbo frangiato, che ricorda vagamente una reale corona che però è riconoscibile solo al microscopio elettronico.

SINTOMI?

Sono responsabili del raffreddore insieme ai rhinovirus ed i virus influenzali e parainfluenzali. Generalmente i sintomi da infezione da coronavirus sono condivisibili con i classici sintomi delle comuni forme influenzali e parainfluenzali come la Rinite virale, flogosi del tratto rinofaringeo, tosse stizzosa e secca, sinusiti e spossatezza  associati, spesso, a febbre (38 C°)

Rischi e complicanze?

Raramente possono svilupparsi complicanze gravi, come estese infezioni delle vie aeree inferiori a carico dei bronchi e polmoni.

Infatti Sono tristemente noti alla cronaca mondiale per le due epidemie che hanno scatenato nell’ultimo ventennio ovvero quella di “SARS” (sindrome acuta respiratoria grave) e quella di “MERS”.

La SARS ebbe inizio in Cina nel 2002 e terminó nel 2003 con circa 5327 contagiati.   Il ceppo di Coronavirus SARS è noto come SARS-CoV.  

MERS sta per Sindrome Respiratoria Medio-Orientale, iniziò in Arabia Saudita nel 2012 e terminó nel 2013. I contagiati furono circa 840.

L’ EPIDEMIA

Ha avuto inizio a Wuhan il 31 dicembre 2019. Il ceppo responsabile é stato identificato come Novel-Coronavirus o 2019nCoV o Coronavirus di Wuhan, dal nome della città in cui ha avuto inizio l’epidemia.

Il ceppo è stato identificato in data 7 gennaio 2020.  Questo ceppo virale è molto aggressivo e insieme a quello della SARS é capace di causare polmonite anche in soggetti perfettamente sani. Tuttavia va ricordato che sono i pazienti cosiddetti più deboli ad avere maggiori possibilità di sviluppare complicanze come la polmonite, come i cardiopatici, immunodepressi e anziani.

TRASMISSIONE, PREVENZIONE e DIAGNOSI

 Il virus si trasmette principalmente per via aerea, come tutti i virus influenzali e ad oggi non siamo in possesso di un vaccino.

Le uniche precauzioni possono essere quelle di evitare posti affollati (soprattutto nelle aree a rischio in Cina) e nelle città dove è arrivato il virus o arriverà. Nelle città altamente a rischio è obbligatorio indossare la mascherina. 

La diagnosi può essere effettuata solo con test specifici su campioni di sangue e su tamponi naso-faringei. In caso di sintomi influenzali decisamente violenti è consigliabile recarsi presso il Pronto Soccorso poiché non è escluso che non ci siano casi in Italia.

Fortunatamente l’organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha tutti gli strumenti necessari per contenere la diffusione del virus e applicare metodi per contrastarlo. Per tale motivo non bisogna allarmarsi ma bisogna seguire con il giusto buon senso gli ulteriori sviluppi in tema coronavirus.

Questa articolo è stato scritto con la collaborazione di A. di Cagno, studente di medicina e chirurgia.

ITF

0 0 vote
Article Rating
Dott. Gianluca Spanò

Founder and Team director.

Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments