fbpx
Dott. Andrea Filardi
Dott. Andrea Filardi

Laureato in Farmacia. Farmacista di professione. Appassionato di divulgazione scientifica

PENICILLINE

PENICILLINE

L’impiego di agenti chimici al fine di eradicare dall’organismo parassiti, batteri virus o cellule cancerogene è chiamato chemioterapia. È basato sulle proprietà di un farmaco di avere tossicità selettiva, ad esempio tossicità nei confronti delle cellule del parassita, ma scarsa nei confronti dell’ospite umano. I batteri presentano molte differenze biochimic
Condividi
MALATTIA DI PARKINSON: FARMACI (PARTE II)

MALATTIA DI PARKINSON: FARMACI (PARTE II)

Le malattie neurodegenerative sono caratterizzate dalla perdita progressiva di specifici gruppi di neuroni in determinate aree cerebrali. Ciò comporta disturbi delle funzioni motorie e/o cognitive. Morbo di Parkinson e Dopamina (DA) Il morbo di Parkinson è una patologia neurodegenerativa, cronica, progressiva, correlata all’età, la cui patogenesi è da
Condividi
MALATTIA DI PARKINSON: LEVODOPA (PARTE I)

MALATTIA DI PARKINSON: LEVODOPA (PARTE I)

Dopo la malattia di Alzheimer, il morbo di Parkinson è la patologia neurovegetativa più diffusa. È principalmente dovuta ad una degenerazione e conseguente perdita del numero e dell’attività dei neuroni dopaminergici della via nigrostriatale. Lo scopo della terapia consiste principalmente nel ripristinare, per quanto possibile, una normale attività dopaminer
Condividi
FARMACI ANTISPASTICI

FARMACI ANTISPASTICI

Sono farmacia che con diversi meccanismi d’azione, si oppongono all’aumento del tono (spasmo) e all’ipermotilità che caratterizza alcuni stati patologici acuti e cronici dell’apparato digerente. Allo spasmo si accompagna immediatamente una percezione di dolore la cui localizzazione dipende dall’innervazione dell’organo cavo che lo ha generato. I farmaci anti
Condividi
FARMACI PER LE PATOLOGIE TIROIDEE

FARMACI PER LE PATOLOGIE TIROIDEE

La tiroide è una ghiandola endocrina localizzata nella regione cervicale, alla base del collo, davanti la la trachea e la laringe. E’ costituita da 2 lobi (dx e sx) collegati da un regione detta istmo, assumendo una caratteristica forma a farfalla.  Dal punto di vista microscopico, la tiroide è formata da numerosi follicoli delimitati da…
Condividi
FARMACI IPOLIPEMIZZANTI

FARMACI IPOLIPEMIZZANTI

Le malattie cardiovascolari rappresentano la principale causa di morte al mondo, soprattutto nei paesi industrializzati. Nella prevenzione e nella terapia delle malattie cardiovascolari è importantissimo ridurre i livelli ematici di lipidi ossia colesterolo e trigliceridi fosfolipidi. Essi sono trasportati nel sangue sotto forma di lipoproteine solubili. Dal
Condividi
Farmaci sedativi

Farmaci sedativi

I farmaci sedativi-ipnotici fanno parte dei farmaci attivi sul sistema nervoso centrale (SNC). I farmaci ansiolitici sono in grado di ridurre lo stato ansioso esercitando un effetto tranquillante. Tuttavia è sempre bene precisare che il disturbo ansioso, soprattutto quando si manifesta con caratteristiche invalidanti per la vita dell’individuo come attacco d
Condividi
Sieri e vaccini: cosa sono?

Sieri e vaccini: cosa sono?

La prevenzione delle malattie infettive si può realizzare eliminando la sorgente di infezione, intervenendo sulla via di trasmissione o quando queste due vie non risultano efficaci, fornendo agli organismi adeguate difese immunitarie specifiche per mezzo della inoculazione di sieri e vaccini. Per centrifugazione del campione biologico, si separa la fase liqu
Condividi
LASSATIVI: NON SONO TUTTI UGUALI (PARTE II)

LASSATIVI: NON SONO TUTTI UGUALI (PARTE II)

Come detto nell’articolo precedente, i lassativi sono tra le classi di farmaci più usate e maggiormente richiesti in farmacia, anche se in un numero elevato di casi vengono assunti senza controllo medico dato che la maggior parte dei lassativi sono OTC. Oltre alla classe dei lassativi osmotici di cui ricordiamo la glicerina utilizzato solo per…
Condividi
Lassativi: non sono tutti uguali (Parte I)

Lassativi: non sono tutti uguali (Parte I)

I lassativi sono tra le classi di farmaci più utilizzati e in un numero elevato di casi sono assunti senza controllo medico. Si dividono in quattro classi principali sulla base del meccanismo d’azione: Osmotici, Formanti massa, Lubrificanti/emollienti, Modificatori di motilità, secrezione e assorbimento. Sono indicati in due ambiti principali: trattamento de
Condividi
TRATTAMENTO TERAPEUTICO DEL DIABETE

TRATTAMENTO TERAPEUTICO DEL DIABETE

 Il trattamento terapeutico del diabete mellito è diverso a seconda che si parli di diabete di tipo 1 o diabete di tipo 2. TERAPIA DEL DIABETE MELLITO DI TIPO 1 Dal momento che il diabete mellito di tipo 1 è una patologia autoimmune caratterizzata da una carenza assoluta di insulina causata da una distruzione totale…
Condividi
Diabete: complicanze vascolari

Diabete: complicanze vascolari

Il diabete mellito rappresenta una delle patologie endocrino-metaboliche più diffuse al mondo ad elevata morbilità e mortalità. Una malattia cronica: cosa vuol dire? Le malattie croniche presentano sintomi che perdurano nel tempo in maniera costante o con fasi di remissione parziale seguita da riacutizzazione. Per queste malattie le terapie possono portare m
Condividi
Punto N1: lavarsi bene le mani, perche?

Punto N1: lavarsi bene le mani, perche?

È buona norma lavarsi frequentemente le mani per prevenire diverse forme di infezioni e non solo quelle di tipo respiratorio causata da Coronavirus. Le mani sono quelle parti del corpo a stretto contatto con oggetti e superfici sporche quindi maggiormente esposte ad agenti contaminanti. È necessario pertanto per poter prevenire infezioni e contagi, lavare le
Condividi
Diabete mellito: conosciamolo meglio

Diabete mellito: conosciamolo meglio

Il diabete mellito rappresenta, senza dubbio, il disordine endocrino-metabolico più diffuso e più comune al mondo insieme alle patologie cardiovascolari e tiroidee. Si tratta di uno squilibrio metabolico ad eziologia multifattoriale caratterizzato da una iperglicemia cronica causata da cambiamenti nella secrezione dell’ormone insulina. Cos’è l’in
Condividi